Browse Author by admin
Casa

Capelli Lisci – Cosa Fare

C’è chi per averli perfettamente lisci e modellati, come quelli delle asiatiche, ricorre alla piega con il phon e a quella con la piastra. E chi non fa molta fatica ad averli perfettamente piatti, pur avendoli molto grassi e sottili, anche senza lo styling e i prodotti ad esso associati. I capelli lisci pur essendo sinonimo di fascino e femminilità, possono riservate molte sorprese, non sempre positive. Come già accennato capelli molto lisci, sono spesso iper sottili e fragili. Ma anche molto grassi. Vediamo allora come curare questo tipo di capello. In genere, il vantaggio di avere una siffatta chioma è relativo al modellamento: basta uno shampoo e una spazzolata per ritrovarsi capelli fini e ultra lisci, evitando persino l’effetto elettrostatico. In questi casi bisogna asciugare perfettamente la capigliatura prima di utilizzare la spazzola: i capelli molto sottili e lisci sono così sensibili, che tendono a spezzarsi molto facilmente.

Inoltre bisogna prestare particolare attenzione al tipo di spazzola o di pettine da usare: il pettine deve essere di legno così come la spazzola, che deve essere piatta con cuscinetto alla base, che ammortizzerà l’impatto, evitando un impiego troppo aggressivo.
L’ideale è asciugare i capelli a testa all’ingiù in modo da scongiurare l’effetto “testa appiattita”. Per ottenere maggiore volume, inoltre, applichiamo un pò di schiuma o lozione volumizzante ma solo sulle estremità.

Dall’altra parte della barricata, c’è invece chi ha capelli lisci ma folti e voluminosi. Chi ha una chioma di questo tipo, spesso ha la sensazione di avere un capello che non è facile da descrivere. “Non è perfettamente liscio, ma neanche ondulato o riccio”, riferiscono in genere le clienti che hanno una siffatta capigliatura ai loro parrucchieri di fiducia.

L’ideale è ancora una volta, pulire il capello utilizzando detergenti adatti a frequenti lavaggi, ma anche impacchi e balsami, che abbiano funzioni ammorbidenti e liscianti: la maschera si può applicare su tuttua la chioma, anche sulle radici, l’importante è risciacquare abbondantemente per evitare di ottenere l’effetto unto mentre il balsamo lisciante, si può applicare solo sulle punte, anche per ricostruirle in profondità. Questo tipo di capello infatti, è “contraddittorio” perchè presenta generalmente radici grasse e punte aride.
Per quanto riguarda il taglio, meglio se si predilige quello scalato, per avere una chioma sempre ordinata evitando l’effetto crespo.

Casa

Come Riutilizzare il Blush

Quante volte ci è capitato, lasciando scorrere il cassetto dei trucchi, di notare quanti sono i cosmetici finiti in qualche angolo e da tempo inutilizzati. Eppure sembra passato così poco tempo da quando, dopo aver adocchiato quello specifico colore di blush, non ci abbiamo pensato due volte prima di acquistarlo, anche se abbiamo speso un occhio della testa perchè doveva essere proprio di “quel marchio”. Alla resa dei conti finiamo per utilizzare sempre lo stesso, quello contenuto in una vecchia palette di cui non riusciamo proprio a fare a meno. Ma noi che odiamo gli sprechi, vi invitiamo a sfruttare al massimo tutti i cosmetici che avete in casa, anche facendone un impiego alternativo. Dopo avervi invitato a non sprecare gli ombretti, oggi vi parliamo di tutti gli utilizzi del blush. Il fard, detto anche blush, può essere disponibile sia in polvere, libera o compatta che in crema o in gel.

Quelle in polvere libera, sono in genere i blush minerali, l’ideale per chi ama utilizzare cosmetici naturali e privi di sostanze comedogene e petrolati. Per chi invece ha una pelle segnata e matura, dovrà al più presto sostituire il fard in polvere con quello cremoso, che è venduto in jar di vetro o plastica, in versione satinata o matt a seconda delle esigenze.

Ecco come utilizzarlo: 1) si può usare come ombretto, soprattutto in estate. Il rosa e il pesca sono tonalità molto indicate per la stagione calda; 2) si può utilizzare per realizzare gloss. Basta miscelarlo con del gloss incolore o della vasellina e otteremo un prodotto dal colore molto intenso e di lunga durata; 3) se prelevato con un pennello a penna precedentemente bagnato, si può usare come eyeliner. Con il porpora intenso, ad esempio, possiamo realizzare uno smokey sui toni del borgogna e del nero, se abbinato a ombretti e matite scure.

Il blush in crema può essere utilizzato anche per rendere più luminoso e ad “effetto glossy” il nostro trucco occhi. Basta applicarne un tocco al centro della palpebra mobile, l’importante è che sia di una nuance adatta al make-up che abbiamo realizzato. Aggiunto a un gloss trasparente dall’azione rimpolpante, può essere utilizzato per ravvivare il colore delle nostre labbra e dare più personalità e grinta al nostro gloss.

Casa

Blush e Trucchi per la Correzione delle Forme

Il blush è un cosmetico troppo spesso sottovalutato, quando si parla di look viso e make-up. E invece, anche da solo, senza alcuna base trucco, può armonizzare i volumi illuminando il viso. Ma la sua applicazione, non dipende solo dalla texture (cremosa, in polvere o in gel), ma anche dal tipo e dalla forma del viso. Vediamo come va sfumato il prodotto a seconda della forma dell’ovale. Se avete un volto allungato, bisogna riequilibrare i profili ammorbidendo i contorni, sfumando il cosmetico con movimenti circolari e orizzontali: si inizia dalle tempie per poi arrivare al centro delle guance. Per accorciare otticamente il viso, bisogna intervenire con il contouring sfumando della terra e/o del fard rigorosamente opachi, su attaccatura dei capelli in direzione della fronte e mento. Se il vostro è un tradizionale ovale, siete fortunate perchè dovete solo ravvivare l’incarnato, conferendo luminosità e colore. Basta sfumare il prodotto con un movimento “a 3″ partendo da tempie, zigomi fino alla mascella.

In questo modo possiamo ottenere un effetto tridimensionale, enfatizzando l’asso zigomatico. Quando invece il viso è molto arrotondato, bisogna intervenire con uno sculpting che assottiglierà i lineamenti, conferendo più personalità. Defineremo al meglio i contorni con il fard sfumandolo dalla tempia fino alla mascella. Se invece avete il “problema” della mascella troppo sporgente e squadrata, bisogna intervenire cercando di ridurre le spigolosità.

Applicheremo il blush con movimenti circolari, concentrando la nostra attenzione sulle gote. Sfumando in senso verticale, assottiglieremo e snelleremo il viso, soprattutto se con la tecnica “a G” . In pratica, bisogna praticare movimenti uniformi partendo dalla tempia e circondando la guancia fino ad arrivare sotto lo zigomo. Insomma i trucchi per sfinare ed enfatizzare, ombreggiare o evidenziare sono numerosi, l’importante è avere tanta fantasia e fare tanta pratica!

Casa

Come Allenare Addominali in Casa

I muscoli addominali sono molto importanti per il nostro fisico. Irrobustendoli con adeguati, costanti e semplici esercizi quotidiani, si otterrà nel tempo un beneficio sia fisico che psichico. E’ comunque molto importante poter eliminare quanto più possibile il grasso ed il rilassamento muscolare accumulato nella pancia ed attorno alla vita, soprattutto al giorno d’oggi in cui regna molto la sedentarietà.

Ci sono vari esercizi che possono essere eseguiti anche alternando, per non rischiare di doversi annoiare quando essi, diventano parte della nostra quotidianità, ma necessari per raggiungere il nostro benessere. I più semplici da eseguire sono i tradizionali addominali (detti anche crunch) eseguiti da terra.

Iniziare e sdraiarsi a terra, possibilmente su un tappetino o meglio ancora su una panca. Se non si dispone di un attrezzo di questo tipo, è possibile vedere questa guida sulla panca per addominali. Portare le gambe piegate in modo che i talloni tocchino a terra, ma le punte dei piedi siano rivolte in alto (e non dovranno quindi toccare a terra). Sempre con schiena a terra, divaricare un pò le game sempre nella posizione spiegata poco fa e portare anche le braccia divaricate con le mani che poggiano sul capo.

Dunque iniziare a sollevare il capo da terra, con la’usilio anche delle mani che lo sostengono ed effettuare un movimento in cui la schiena si trova sempre a terra, ma il capo si alterna e si stacca da terra e poi torna nella posizione di partenza. Ripetere l’esercizio per 30 volte, poi fermarsi e poi ripeterlo per ancora 60 volte con una pausa di circa un minuto sempre alla trentesima flessione.

Altro semplice esercizio è il crunch inverso. Da terra sdraiati, portare le gambe come se fossimo in posizione di seduta. Le braccia questa volta saranno allungate e distese lungo i fianchi col palmo della mano rivolto verso terra. Aiutandosi anche con il palmo delle mani per lo slancio, fare in modo di alzare il bacino da terra, tenendo sempre la schiena poggiata al suolo e poi ritornare nella posizione di partenza. Ripetere il movimento per 30 volte, poi riposare per circa un minuto. Poi ripetere ancora per 60 volte in totale, riposando sempre per circa un minutino alla trentesima flessione.

Casa

Come Sfumare il Blush

In crema, in polvere compatta o libera o in stick. Per ottenere un finish perlato oppure un effetto ultra matt, puntando a un timido rosa appena accennato e naturale oppure a un effetto più scolpito. Parliamo del mitico fard o blush, come è attualmente chiamato grazie al gergo introdotto dalle make-up addicted del web. Oggi la tendenza accantona l’effetto marcato e predilige quello bonne mine, per illuminare e rinfrescare le guance senza appesantirle. Insomma una carezza di colore che rappresenta, abbinata alla giusta tonalità di rossetto, la vera essenza della femminilità. Molto apprezzato dalle ammiratrici del look acqua e sapone, ma anche dalle virtuose della texture satinata, il blush va usato al meglio grazie ai suggerimenti dei make-up artist che ci dicono come va applicato e di che nuance va scelto. La tonalità va selezionata in base al colore della propria pelle, prestando attenzione al tipo cromatico di appartenenza. Per una pelle molto chiara, va bene un rosato tenue mentre per scaldare le pelli scure, sono ottimi i blush color mattone o i rosa con sottotono giallo.

Gli esperti consigliano di sfumare due blush, uno più luminoso su‭i toni dell’albicocca, corallo o pesca, per scaldare la pelle e l’altro più scuro sotto l’osso dello zigomo per ombreggiare le gote. Grazie alla tecnica del contouring, si disegna un doppio semicerchio, partendo dai lati della fronte, arrivando allo zigomo sino alla mascella. Per quanto riguarda la texture, molto dipende dalla tipologia di pelle a cui si appartiene. In genere, è meglio scegliere un prodotto matt, per non sbagliare. Soprattutto se si ha una pelle matura e rugosa, visto che le perlescenze tendono a sottolineare solchi e rilassamenti cutanei.

L’iridescenza è indica invece per chi ha una pelle compatta e zigomi alti da enfatizzare ulteriormente. Risulta essere possibile anche giocare con l’effetto duo: si utilizza il cosmetico opaco per scolpire mentre quello luminoso per far emergere ed evidenziare. Per applicare il fard bisogna utilizzare un pennello specifico tondo, per ottenere il classico “effetto salute”. Invece, per scolpire l’area che si trova sotto lo zigomo, l’ideale è il pennello con setole oblique. Di recente, sono molto in voga i fard cremosi, versatili e modulabili, adatti un pò a tutte. Conferiscono un finish trasparente e naturale, l’ideale per chi utilizza la BB cream al posto del fondotinta. Molte sono le donne che per motivi di tempo o per scelta personale, preferiscono non applicare alcuna base trucco, ma non rinunciano al blush.

In effetti, per ottenere un risultato migliore, il fard avrebbe bisogno di una base make up su cui essere applicato, ma se proprio si vuole essere naturali al massimo o si è particolarmente di fretta, optate almeno per il primer viso che vi farà durare il prodotto molto più a lungo.