Altro

Come Raccogliere gli Asparagi Selvatici

Chi di noi non conosce i famosi asparagi? E bene, ne esistono due tipologie, quelli che compriamo solitamente al supermercato, o quelli selvatici, reperibili tranquillamente in natura nei luoghi adatti.

In un periodo di crisi nera come quella che sta affrontando il nostro paese, la natura può darci innumerevoli risorse per risparmiare, come prima cosa, e per mangiare sano ed equilibrato alimenti che, molto probabilmente, non potremmo permetterci. In quest’articolo andrò a spiegarvi come riuscire a reperire gli asparagi selvatici.

La raccolta degli asparagi selvatici: Essi sono reperibili in tutto il bacino mediterraneo, ma è possibile che qualche pianta riesca a crescere anche in tutta Italia, perciò il posto ideale è la montagna sopra gli 800 metri.

Risulta essere un arbusto, spinoso, infatti è per questa sua conformazione che viene anche chiamato “asparago spinoso” o “asparago pungente”, perchè ha delle foglie che assomigliano a piccolissimi aghi ( infatti si consiglia sempre di effettuare la raccolta degli asparagi con dei guanti da giardinaggio o cmq abbastanza spessi per non pungersi ). Ci sono altre due piante che assomigliano a quella dell’asparago e sono il luppolo selvatico e il pungitopo, ma vi aiuterò a capire come riconoscerla.

Gli asparagi si trovano alla base di quest’arbusto chiamato asparagina, di varie misure e con foglie piccole e spinose, molto pungenti. Per la raccolta di asparagi, cercate di allargare i rami dell’arbusto con un ramo e cercate di arrivare nel punto in cui l’arbusto viene fuori dal terreno, quindi la radice, ed è da lì, o poco vicino alla radice, che sarà possibile notare se ci sono o no gli selvatici asparagi.

Ma come sono fatti questi asparagi?

La prima volta che ci andai me li aspettavo simili se non uguali a quelli che vendono ai supermercati, ma la differenza sta proprio qua: quelli nei supermercati sono lunghi e grossi, questi possono esser lunghi, piccoli, medi ecc e sono finissimi, avranno un diametro si e no di 5 mm, quindi fate attenzione, non vi confondete.

Sono difficili anche da notare, si mimetizzano molto bene fra la boscaglia, quindi cercate di fare attenzione, anche perchè quelli lunghi e alti, possono esser confusi come steli di fiori o altro. Sono di colore verde, chiaro o scuro, dipende dalla maturazione, si staccano facilmente anche con le mani, bisogna cercare il punto più morbido dell’asparago e con una piccola forza, viene subito via, se beccate la parte tenera, altrimenti avrete difficoltà. Se così dovesse essere, salite piano piano con la mano su per l’asparago e cercate di spezzarlo, quando troverete la parte morbida, si spezzerà subitissimo.

Per chi ama la natura e questo genere di escursioni, non potrà che divertirsi.

Lascia un commento